Immunità sviluppata da chi ha contratto il Covid-19, ci si può ammalare nuovamente?

Immunità sviluppata da chi ha contratto il Covid-19, ci si può ammalare nuovamente?

Una delle principali domande che tante persone si fanno in riferimento all’emergenza sanitaria attualmente in atto è se sia possibile ammalarsi nuovamente di Coronavirus anche dopo aver raggiunto l’immunità. Il problema è che manca ancora una risposta univoca a tale questione e, di conseguenza, non si può stabilire con esattezza se ci sia la possibilità di essere contagiati anche dopo essere guariti dal Coronavirus.

Mancano ancora certezze anche per la scienza

È stata la rivista New Scientist a pubblicare delle ipotesi in merito proprio a tale domanda: un gruppo di esperti ha tentato di rispondere a questo quesito, anche dopo la diffusione della notizia secondo cui vari pazienti, sia in Giappone che in Cina, sono nuovamente positivi, anche dopo essere guariti dal Covid-19.

Proprio queste notizie hanno fatto emergere il problema dell’efficacia dell’immunità in assenza ancora di un vaccino efficace. Insomma, c’è il rischio che possano insorgere dei ciclidi di infezione reiterati. In realtà, come abbiamo detto, la scienza non è riuscita ancora a dare una risposta.

Al momento, l’unica cosa certa è che ci sono varie tipologie di SARS che hanno la possibilità di infettare il corpo umano in più di un’occasione, ma per il momento non ci sono certezze se questo sia vero anche per il Coronavirus.

I primi test sugli animali

I primi test che sono stati effettuati su dei macachi in Cina hanno dato degli esiti molto positivi, con i macachi che, dopo aver sviluppato l’immunità, non si sono infettati nuovamente. La scoperta potrebbe avere dei risvolti decisamente incoraggianti, ma solo a patto che tale tesi dovesse essere comprovata. Il problema è che non si potrebbe considerare in ogni caso un’immunità a lungo termine: proprio per via del fatto che il virus in questione è nuovo e non si conoscono le sue caratteristiche, non c’è alcuna certezza su quanto tempo rimanga l’immunità causata dagli anticorpi. 

 

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, non garantiscono la correttezza degli adempimenti al momento in cui vengono fruite dall'utente e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.